Borghi delle Marche: alla scoperta di Urbania

Situata al centro dell’alta valle del fiume Metauro e conosciuta per essere la casa della Befana, la splendida cittadina di Urbania (provincia di Pesaro Urbino) rappresenta uno dei borghi più belli da scoprire nelle Marche. Posta a quota 273 metri s.l.m. ed abitata da circa 7000 persone, il centro storico è circondato per tre lati dalle placide acque del fiume, che lento scorre a ridosso delle mura di case e del Palazzo Ducale.

Urbania
Scorcio di Urbania, con veduta del Palazzo Ducale sul fiume Metauro

Il nucleo originario risale all’alto medioevo, intorno al VI secolo d.C. quando era conosciuta con il nome di Castel delle Ripe. Comune di fazione guelfa, fu distrutta nel 1277 dai ghibellini della vicina Urbino. Venne ricostruita intorno al 1284, dal vescovo francese Guglielmo Durand, ed in suo onore fu chiamata Casteldurante, nome che ha mantenuto fino al 1636. Cambiò denominazione dopo essere stata elevata al rango di città e diocesi da papa Urbano VIII e così, in onore del pontefice, Urbania assunse questo nome.

Urbania
Case di Urbania sul fiume Metauro

Da vedere ad Urbania:

Il Duomo di Urbania o Concattedrale di San Cristoforo martire è il principale luogo di culto cattolico della città. In stile barocco, la sua costruzione è iniziata nel IX secolo e si è conclusa nel XVIII secolo.

Urbania
Duomo di San Cristoforo

Il Palazzo Ducale, edificato a monte del fiume Metauro nel XV secolo dalla famiglia Brancaleoni, ex feudatari di Casteldurante, ospita attualmente il Museo Civico. Qui si trovano diversi ambienti: libreria, galleria d’arte, archivio storico ed uno spazio dedicato alle famose ceramiche di Casteldurante.

Urbania
Il Cortile del Palazzo Ducale

Il Palazzo Comunale è uno splendido edificio in laterizio, di origine cinquecentesca; la Torre Campanaria, chiamata anche Campanone, è alta 32 metri ed è da qui che la Befana di Urbania discende in piazza durante la Festa Nazionale della Befana.

Urbania
Palazzo Comunale

Assolutamente da non perdere una visita alla Cappella “Cola”, chiamata anche Chiesa dei Morti, che venne edificata nel 1380. E’ famosa per ospitare al suo interno il Cimitero delle Mummie: in un ambiente ricavato dietro l’altare maggiore vi sono esposti 18 corpi mummificati, riesumati dopo l’Editto di Saint Claud. La particolarità sta nell’ottima conservazione dovuta ad una mummificazione naturale, ancora avvolta nel mistero.

Urbania
Chiesa dei Morti e Cimitero delle Mummie
Urbania
Cimitero delle Mummie all’interno della Chiesa dei Morti

Il Barco Ducale, situata poco fuori le mura di Urbania, è un’antica residenza nobiliare ed attuale sede museale. Edificata nel XV secolo nel 1465, divenne la riserva di caccia privata del Duca Federico da Montefeltro.

Urbania
Barco Ducale
Urbania
Barco Ducale
Urbania
Barco Ducale

La Chiesa e Convento di San Francesco è un antico luogo di culto costruita dal 1284 al 1290 dalla comunità religiosa dei frati Minori Conventuali, che decisero di trasferirsi all’interno delle mura di Casteldurante.

Urbania
Chiesa di San Francesco

Il Teatro Bramante è sicuramente uno dei gioielli delle Marche. Inaugurato nel 1864 ed intitolato all’architetto e pittore Donato Bramante, nato nella vicina Fermignano, la facciata è tutta in laterizio con uno stile neoclassico. L’edificio si affaccia sulla bella Piazza San Cristoforo, punto nevralgico di Urbania.

Urbania
Teatro Bramante
Urbania
Colonna votiva in Piazza San Cristoforo

Per conoscere di più sulla famosissima e divertente Festa Nazionale della Befana, che si svolge ad Urbania i primi giorni di Gennaio, puoi leggere l’articolo dell’edizione 2018, cliccando qui.

Da vedere nelle vicinanze di Urbania:

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑