Piccoli borghi nel Lazio: viaggio a Poggio Bustone

Il piccolo borgo di Poggio Bustone (provincia di Rieti, Lazio) è un grazioso paese arroccato su un colle a 756 metri s.l.m., alle pendici del monte Terminillo ed abitato da circa 2.055 persone. Situato nella parte nord occidentale della Piana Reatina, si trova all’interno della cosiddetta Valle Santa, così chiamata per la presenza di quattro santuari francescani, di cui uno si trova proprio all’interno del comune di Poggio Bustone.

Poggio Bustone
Veduta di Poggio Bustone

Poggio Bustone
Tra le vie del centro storico

I primi documenti ufficiali in cui si parla di Poggio Bustone risalgono al XII secolo, anche se il borgo ha radici più antiche. Il suo territorio è legato principalmente alla figura del poeta e religioso San Francesco d’Assisi, che qui prese dimora e cominciò a predicare con altri sei compagni nel 1208. Completamente raso al suolo dal terremoto del Reatino nel 1298, fu ricostruito nel suo attuale aspetto di centro medievale.

Poggio Bustone
Porta della Torre
Poggio Bustone
Centro storico
Poggio Bustone
Fontana e Parrocchia della Santissima Annunziata

Le abitazioni del centro storico sono strette ed alte, addossate una all’altra e per la maggior parte costruite con pietre e mattoni. Esse sono attraversate da graziose viuzze che si inerpicano in salita fino alla Chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista, il principale edificio di culto della parte antica di Poggio Bustone. All’interno della chiesa è possibile ammirare un affresco del 1400 raffigurante San Francesco che riceve le stimmate.

Poggio Bustone
Chiesa di San Giovanni Battista
Poggio Bustone
L’interno della Chiesa di San Giovanni Battista
Poggio Bustone
Tra le viuzze del centro storico

Poggio Bustone è conosciuta anche per essere il paese natale del famoso cantautore e compositore italiano Lucio Battisti che qui nacque il 4 Marzo 1943 ed alla quale è stata dedicata una bella area verde posta appena fuori il paese e denominata I Giardini di Marzo, come una delle più belle canzoni di Battisti.

Poggio Bustone
Statua di Lucio Battisti
Poggio Bustone
I Giardini di Marzo
Poggio Bustone
Nel centro storico

Sul lato della montagna, poco più in alto rispetto al centro storico si trova il bellissimo Santuario di Poggio Bustone e Convento di San Giacomo. Fondato da San Francesco d’Assisi e costruito a partire dal XIII secolo, è uno dei quattro santuari francescani della cosiddetta Valle Santa Reatina (insieme al santuario della Foresta, al santuario di Fonte Colombo ed al convento di Greccio); meta di tantissimi pellegrini che percorrono il Cammino di San Francesco.

Poggio Bustone
Santuario di Poggio Bustone e Convento di San Giacomo
Poggio Bustone
Santuario di Poggio Bustone e Convento di San Giacomo visto da Porta della Torre
Poggio Bustone
Tramonto su Poggio Bustone e sulla Piana Reatina visto dal Santuario francescano

Durante il periodo natalizio “Poggio Bustone diventa presepe!” e, grazie ad una bella manifestazione che dura circa un mese, i visitatori si ritrovano a passeggiare all’interno di un presepe in cartapesta a grandezza naturale. Decine di statue, realizzate davvero molto bene, decorano le vie del centro storico facendo immergere il turista dentro le scene, in un contesto ambientale davvero suggestivo. Fabbro, panettiere, falegname, ciabattino, lavandaie, i Re Magi ed infine la Natività nella Piazza antistante la Chiesa della Santissima Annunziata: sarà divertente percorrere le stradine alla scoperta di queste piccole opere d’arte.

Poggio Bustone diventa Presepe
Poggio Bustone diventa Presepe: la Capanna della Natività
Poggio Bustone diventa Presepe
Poggio Bustone diventa Presepe: i Re Magi
Poggio Bustone diventa Presepe
Poggio Bustone diventa Presepe: il fornaio

Altre immagini di “Poggio Bustone diventa presepe!”:

Da vedere nei dintorni di Poggio Bustone:

  • Rieti
  • Riserva dei Laghi Lungo e Ripasottile
Riserva dei Laghi Lungo e Ripasottile
Riserva dei Laghi Lungo e Ripasottile con il monte Terminillo sullo sfondo

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑