La bellezza di Campo Imperatore durante la stagione estiva

Le prime nevicate della stagione hanno già cominciato ad imbiancare lo splendido altopiano di Campo Imperatore (L’Aquila) ma noi vogliamo esaltare la bellezza del cuore d’Abruzzo con le immagini della stagione appena trascorsa: dalla primavera quando questi luoghi si colorano di fiori e l’erba è così verde e tenera da sembrare di smeraldo fino all’estate quando tutto diventa brullo e sembra di essere intrappolati sul set di un film western.

Campo Imperatore
Massiccio del Gran Sasso

Campo Imperatore
Altopiano di Campo Imperatore
Campo Imperatore
Rifugio Racollo

Questo vasto altopiano di origine glaciale e carsico-alluvionale ha un’altitudine variabile tra i 1460 metri e i 2138 metri s.l.m. e si estende per 75 km²  all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, ricadendo nel territorio comunale di sette comuni (Barisciano, Calascio, Carapelle Calvisio, Castelvecchio Calvisio, Castel del Monte, L’Aquila e Santo Stefano di Sessanio).

Campo Imperatore
Paesaggio primaverile
Campo Imperatore
Il verde di Campo Imperatore
Campo Imperatore
Laghetto di Santo Stefano di Sessanio

L’altopiano di Campo Imperatore è il più vasto dell’Appennino Centrale ed uno tra i più grandi d’Italia: l’alpinista Fosco Maraini lo ribattezzò per primo con il nome di “Piccolo Tibet” ed è così che ancora viene chiamato.

Campo Imperatore
Le praterie verdeggianti di Campo Imperatore
Campo Imperatore
Fonte Vetica
Campo Imperatore
Lago di Pietranzoni

La bellezza e la variabilità dei paesaggi rende Campo Imperatore uno dei luoghi più affascinanti d’Italia. Prati e praterie a perdita d’occhio, brecciai a testimonianza di antichi ghiacciai, dolci colline arrotondate dal vento ed aspre vette montane, laghetti circolari di presunta origine meteoritica: tutto a Campo Imperatore è puro spettacolo di natura.

Campo Imperatore
Ex Miniera di Bitume
Campo Imperatore
Ex Miniera di Bitume
Campo Imperatore
Cappella dedicata a Maria

Nel tempo l’uomo ha provato a costruire ed abitare questi luoghi ma la scarsità di acqua in estate e le rigidissime temperature invernali ne hanno permesso solo il passaggio, salvandolo così da una colonizzazione selvaggia. Tra le praterie si trovano piccole cappelle religiose e costruzioni di ricovero dei pastori utilizzate sopratutto in estate e durante l’antica transumanza.

Campo Imperatore
Cappella di San Vincenzo
Campo Imperatore
Tempietto di San Eusanio
Campo Imperatore
Chiesa della Madonna della Neve

A 2100 metri di altitudine troviamo l’Albergo di Campo Imperatore, realizzato negli anni 1930 ed ultima prigione di Benito Mussolini che venne qui rinchiuso nel 1943 prima di essere liberato dai tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale. Nello stesso piazzale dell’Hotel si trova la Chiesa della Madonna della Neve (1934), il più alto (di quota) edificio religioso tra quelli consacrati. Vicino ad essi si trova la Stazione di Osservazione Astronimica (1948-1955) ed il Giardino Botanico Alpino, dove possiamo ammirare la ricca flora appenninica.

Campo Imperatore
Hotel Campo Imperatore ed Osservatorio Astronomico
Campo Imperatore
Stella alpina nel Giardino Botanico di Campo Imperatore

Cosa fare a Campo Imperatore? Le attività che si possono svolgere sono molteplici: dall’escursionismo nei numerosi sentieri esistenti, alle semplici passeggiate a piedi o mountain-bike in primavera ed estate mentre in inverno sci di fondo, sci o ciaspolate. Si può anche praticare birdwatching, fotografia naturalistica oppure semplicemente rilassarsi godendosi la meraviglia del paesaggio. L’importante è avere sempre il massimo rispetto della Natura non lasciando mai spazzatura in giro, non recando danno e fastidio alla flora ed alla fauna e non accendendo fuochi (nei Parchi è vietato).

Campo Imperatore
L’altopiano al tramonto
Campo Imperatore
Campo Imperatore al tramonto

La bellezza selvaggia di Campo Imperatore ha conquistato anche molti registi cinematografici che lo hanno scelto come set per i loro film o spot pubblicitari: il più famoso è sicuramente l’indimenticabile “…Continuavano a chiamarlo trinità” con Bud Spencer e Terence Hill. Da ricordare anche “ll deserto dei Tartari” con Vittorio Gassman, “Il nome della Rosa” con Sean Connery, “The American” con George Colooney e “Ladyhawke” con Michelle Pfeiffer e Matthew Broderick.

Campo Imperatore
Omaggio al film “…Continuavano a chiamarlo Trinità” con Bud Spencer e Terence Hill, girato a Campo Imperatore

Articoli correlati:

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑